Togliere il pannolino è fra le cose che più mandano in crisi i genitori, si entra letteralmente in ansia da prestazione.Ecco le risposte alle domande più frequenti.

Per cominciare, parto con il vasino o posso passare direttamente al water?

All’asilo nido i water sono all’altezza dei bimbi e quindi più accessibili, per replicare la stessa comodità a casa, è bene prendere sia il riduttore, sia un piccolo sgabello su cui il bambino può salire e gestire, via via, questo momento in autonomia.

Il vasino è un buon punto dal quale iniziare per togliere il pannolino gradualmente. La forma, il colore e poterlo spostare dove risulta più comodo rende il vasino appetibile anche ai bimbi più restii.

Il fatto che i bimbi riescano a vedere la loro pipì proprio nell’esatto momento in cui la stanno facendo aumenta la relazione sensazione/conseguenza. Sentono lo stimolo e vedono esattamente cosa procura loro quella strana sensazione.

Il water invece viene visto più come un “buco nero” che fagocita letteralmente cacca e pipì e lo fa peraltro con un suono non molto educato.

Vi ricordate la scena di senti chi parla 2 quando il bambino deve fare pipì ma fugge intimorito alla vista del water mostruoso? Cliccate QUI se non sapete di cosa sto parlando.

togliere il pannolino

Ma quindi qual’è il metodo giusto per togliere il pannolino?

Invitate il vostro bambino a sedersi su water o vasino ad ogni cambio .

Non significa insistere ma proporlo indipendentemente dalla risposta. Se i vostri bimbi frequentano il nido probabilmente staranno facendo anche lì lo stesso percorso con la differenza che, essendo un ambiente dedicato con bimbi che stanno attraversando la stessa fase, il coinvolgimento sarà più efficace.

Se ci sono bambini più grandi in casa, provate a lasciarli insieme in bagno a gestirsi questo momento, per i bambini ricevere fiducia e autonomia è fondamentale. Disastri del caso sono da mettere in conto!

Come faccio a capire se il momento è quello giusto o meno?

Tranquilli, lo capirete.

Se notate che il pannolino resta asciutto per alcuni giorni specie dopo il riposo pomeridiano o addirittura la mattina appena svegli, quello significa probabilmente che il momento è giunto.

Quindi non è un discorso di età ma di fiducia e rispetto dei tempi del vostro bambino.

Lasciatelo senza pannolino qualche ora durante la mattinata, provate a chiedergli di fare la pipì nel vasino ogni mezz’oretta e vedete come va.

Facendo così capirete alcune cose anche voi come ad esempio per quanto riesce a trattenere la pipì, come reagisce se si bagna e come affronta questa novità.

Rimettete il pannolino solo per la nanna pomeridiana e notturna. Generalmente una volta partiti ci vuole qualche settimana affinchè prenda il ritmo ma lasciategli il tempo necessario e cosa più importante, dategli fiducia, non arrabbiatevi e abbiate pazienza.

E la cacca? La affronto come la pipì?

La cacca è una cosa molto più intima, spesso è legata alle emozioni e a delle fortissime sensazioni.

Accadrà sicuramente che non riesca a trattenerla e che quindi la faccia nelle mutandine, ma potrebbe anche capitare il contrario ovvero che la trattenga fino a quando non gli rimetterete il pannolino, a quel punto si sentirà al sicuro e si libererà più facilmente.

Qualunque sia la sua reazione il vostro bambino vi sta comunicando qualcosa, il più delle volte sarà un bisogno di sicurezza, ma potrebbe anche trattarsi di paura o smarrimento rispetto ad un evento che sta appena imparando a controllare e che non sempre gli riesce di dominare.

togliere il pannolino

ATTENZIONE!

Non pensiate erroneamente che sia necessario tornare sui vostri passi per paura che diventi stitico o chissà cos’altro. Siate fermi nella vostra decisione, una volta tolto non si torna indietro.

I bambini si adattano, capiscono e soprattutto percepiscono con molta sensibilità il modo in cui reagiamo quando erroneamente si fanno la cacca addosso, ecco perché è importante reagire con un sorriso rassicurante trasmettendo, sia in modo verbale che non-verbale il messaggio che “può capitare e che non ha fatto nulla di sbagliato”.

Ho sentito parlare dei pannolini a mutandina”, possono essere un buono strumento da utilizzare per togliere definitivamente il pannolino?

Partiamo col dire che non si tratta di una mutandina ma di un pannolino, il vantaggio è quello di poterlo abbassare e alzare, senza doverlo togliere completamente come con un normale pannolino.

Generalmente lo si usa nella fase transizionale, della serie: a casa sta senza pannolino, ma fuori casa uso il pannolino a mutandina.

Questa necessità nasce dalla paura che il vostro bimbo incappi in un incidente proprio quando si trova fuori casa, ma se riuscirete a capire i tempi del bambino, saprete anche come organizzarvi proponendogli di fare la pipì nel momento più giusto.

ULTIMO CONSIGLIO

Comprate canottiere e mutandine in grandi quantità, spesso il deterrente più grande per noi genitori è proprio quello di non disporre di cambi puliti all’occorrenza rendendo necessario ricorrere al pannolino.

NON FATELO, mi raccomando è importante scegliere una linea e mantenerla, non è difficile, basta solo un pizzico di organizzazione!

Buona avventura!

Rossella

[simple-author-box]
Share: