ATTIVITA’ PER LATTANTI – 5 giochi fai da te

Tra le richieste che mi vengono fatte più spesso c’è “che tipo di attività posso proporre per il mio bambino di 3, 6, 9 mesi?

Se non si è del settore in effetti questa è l’età più complicata proprio perchè si pensava fino a poco tempo fa, che bimbi molto piccoli non giocassero ma che si intrattenessero anche banalmente guardandosi intorno. Non che ciò sia sbagliato, il gioco è scoperta, è qualcosa che arricchisce stimola e di conseguenza fa crescere, pertanto offrire stimoli semplici ed adatti a bimbi di questa età può essere terribilmente semplice ma anche l’esatto opposto.

Oggi quindi vi propongo 5 giochi per lattanti che potrete realizzare a casa vostra con quello che avete a disposizione, saranno giochi semplicissimi ma dall’efficacia assicurata, provare per credere!

 

BOTTIGLIETTE SENSORIALI


Le avrete sicuramente viste in mille salse e dimensioni, con i colori più sgargianti ed i suoni più curiosi, il mio consiglio è quello di cercare bottigliette in plastica trasparente molto piccole in modo tale che se anche doveste decidere di riempirle con acqua, risulteranno del giusto peso e dimensione permettendo così di essere sollevate e maneggiate molto bene dalle manine piccine del vostro bimbo.


Cercate di variare i materiali che inserirete all’interno in modo da offrire un ventaglio di sensazioni uditive e visive il più ampio possibile, ponetele dentro un cesto oppure dentro una scatola ed offritele al vostro bimbo tutte insieme, sarà lui a scegliere e provare quelle che lo attraggono di più. Ricordate di sigillare molto bene il tappo con la colla a caldo e se come me, amate le cose ben rifinite, potrete ricoprire il bordo di quest’ultimo con del nastro adesivo in tessuto.

MEMORY SONORO


Ho regalato (acquistandolo) questo gioco a Donni il bimbo di Rossella, l’ho trovato un gioco meraviglioso perchè è adatto a bimbi piccini (che lo utilizzano sperimentando semplicemente i suoni) ma anche a bimbi più grandicelli che possono cominciare ad associare i suoni prodotti dai barattoli e accoppiare quelli che “suonano nello stesso modo”, ho deciso quindi di provare a crearlo anche per Tommi.
Realizzarli è molto semplice, basterà recuperare un minimo di 6 vasetti ma non più di 10 restando sempre con un numero pari (per poter formare le coppie) io ho usato quelli delle marmellatine in abbinato coi formaggi ma andranno benissimo anche i vasetti degli omogeneizzati, riempiteli a-due-a-due con diversi materiali che producano suoni diversi se agitati (io ho usato fiocchi di mais, una pallina di legno ricoperta da tessuto, semi di chia) andranno benissimo anche i legumi di diverse dimensioni, il sale, piccole catenelle insomma, sbizzarritevi! Ricoprite poi i vasetti con un tessuto o anche uno scotch carta colorato in modo da impedire di vedere all’interno, solo la base dovrà restare scoperta. Anche qui mi raccomando di sigillare bene i coperchietti con la colla a caldo.


Proponete questo gioco tutto in una volta, ponete i barattoli coperti disposti ordinatamente davanti al bambino e state a vedere come sceglierà di giocare!

 

TAVOLETTE SENSORIALI

Stimolare i sensi è imperativo in questa fase della vita del vostro bimbo (lo è sempre per la verità ma mi sento di sostenere che in questa fase lo è ancora di più) quindi via alle tavolette sensoriali.
Io ho utilizzato una tavola di compensato spessa almeno un paio di centrimeti ma andrà benissimo anche del cartoncino come quello che viene usato per gli scatoloni di imballaggio, basta che sia rigido e non si fletta. Fate un tot di quadrati (la quantità sceglietela voi in base alla disponibilità dei materiali che avete in casa) della grandezza circa di 10X10 cm in modo da poter essere maneggiati comodamente dalle mani dei vostri bimbi ed incollate sopra qualsiasi oggetto che riteniate possa offrire un’esperienza sensoriale valida.

Io ad esempio ho utilizzato stoffe, palline ricoperte in crochet, spugne dei piatti, velcro, pizzo, tappo dell’omogeneizzato e tantissimo altro… Ho da parte qualche tavoletta e mano a mano che trovo materiali interessanti ne continuo a produrre. Piccola accortezza, se utilizzate le tavolette di legno premuratevi di levigarle (o farle levigare) per bene in modo da evitare le schegge.

LIBRO DEI CONTRASTI

Quando Tommaso non era ancora nato sono impazzita per trovare un libro dei contrasti come lo intendevo io, non che in commercio non ce ne siano, ma io volevo esattamente quello che avevo in testa, così ho deciso di realizzarlo da me.
E’ bastato stampare qualche immagine in bianco e nero associandole fra di loro (io l’ho realizzato a tema indiani che è anche il tema della sua cameretta) se siete fra i più creativi potrete personalizzarlo inserendo anche il nome, altrimenti basterà andare su google e scaricare immagini in bianco e nero, stamparle e plastificarle, dopodiché se vorrete potrete raggrupparle in un libro ma questo non è indispensabile potrete anche proporle sfuse e andrà benissimo ugualmente.


Se non avete la plastificatrice esattamente come la sottoscritta potrete ovviare al problema acquistando i fogli per plastificatrice e stirandoli letteralmente con il ferro da stiro, state solo attente a non formare bolle quindi schiacciate molto bene!

LA SCATOLA DEI TESSUTI

La cosa più semplice e geniale di tutte.
Prendete una scatola (di scarpe, di dolci, quella che volete!) create un piccolo buco al centro sulla superficie grande abbastanza per far passare la manina del vostro bimbo, all’interno mettete tanti pezzettini di stoffe diverse, ricordate sempre di scegliere cose che facciano vivere un’esperienza sensoriale al vostro bimbo quindi scegliete cose al tatto (ma anche alla vista) diverse fra loro.
L’idea della scatola forata è ottima          proponendo quindi non solo tessuti ma anche oggetti simili ma diversi fra loro come materiali naturali, oppure oggetti freddi, il vostro bimbo inserirà la mano e scoprirà tantissime sensazioni meravigliose!

 

Per oggi è tutto, ma la creatività non ha mai fine quindi vi do appuntamento al prossimo articolo!
Se proverete a rifare questi giochi non dimenticate di taggarci nelle foto su instagrame e facebook!

Instagram -> @bricioledinido

Facebook -> Briciole di Nido

RINGRAZIAMENTI
Grazie a Silvia per avermi fatto scoprire le bottigliette adatte alle mani dei più piccoli.
Grazie a Daniela, per avermi dato l’idea della “scatola con il buco”.
Silvia e Daniela sono due nuove splendide amiche che ho avuto la fortuna di conoscere grazie a Tommaso.

Un abbraccio grande

Sara

2 comments

  • Ciao dolce Sara!
    Quante belle idee! Per il mio primo bimbo, con l’aiuto del babbo, abbiamo creato tanti bei giochi. Adesso siamo alle prese con un tavolo luminoso!
    Per il secondo bimbo, nato da poco, ci stiamo sbizzarrendo con le giostrine.
    Ti volevo chiedere con che bottiglie hai realizzato le bottigliette sensoriali? Io avevo utilizzato delle semplici bottigliette di cocacola, perché di plastica più resistente rispetto alle normali bottigliette d’acqua, però queste mi sembrano proprio della giusta misura.
    Grazie, i tuoi articoli sono sempre di grande ispirazione per me!

    Reply
    • Ma che meraviglia un tavolo luminoso! Le bottigliette che ho usato sono di alcuni succhi di frutta che ho trovato sfusi all’Esselunga, non so dirti la marca perchè non la ricordo ma la bottiglietta è inconfondibile, è l’unica di questa grandezza! Fanno gusti particolari tipo alle bacche di Goji e melograno… Prova a dare un occhio nel reparto e sono sicura che le troverai! Altrimenti puoi usare le bottigliette di Levissima baby anche se il tappo non mi fa stare molto tranquilla… Ti abbraccio!

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *