ATTIVITA’ PER BAMBINI – Il Cesto Dei Tesori

Una delle attività preferite dai bimbi al nido è senza alcun dubbio il celeberrimo Cesto dei Tesori. Questa attività è adorata da tutti, dai più piccini ai bimbi un pochino più grandi.

Gli addetti ai lavori sanno già a cosa mi riferisco, come realizzarlo e come proporlo. Tuttavia ci sono molte mamme che non hanno la minima idea di cosa io stia parlando perciò ho pensato di scrivere un post nel quale vi racconto come ho realizzato quello per Tommaso.

Prima di tutto vi spiego bene di cosa si tratta.

Il Cesto Dei Tesori è un’invenzione della psico-pedagogista britannica Elinor Goldschmied, tale oggetto permette al bambino di agire in uno spazio limitato (per l’appunto quello del cestino) e fare una serie di esperienze sensoriali che altrimenti gli sarebbero vietate poiché difficili da raggiungere. All’interno del cesto infatti verranno proposti diversi tipi di materiali naturali (attenzione, non la plastica poichè essa non offre il ventaglio di sensazioni tattili offerte da altri materiali) quali il legno, la paglia, il tessuto e via dicendo. Le sensazioni date dagli oggetti verranno date al bambino attraverso il gusto, il tatto, la vista, l’udito e l’olfatto.

E’ importante proporre questa attività al bimbo quando è in grado di stare seduto senza il supporto delle mani, in modo da permettergli di afferrare gli oggetti e utilizzarlicome meglio crede con l’aiuto di entrambe le mani.

La meraviglia del cesto dei tesori è che la sua utilità cresce con il bambino, se infatti inizialmente il bambino è incuriosito dagli oggetti e sembra solamente studiarli molto attentamente, successivamente inizierà a domandarsi cosa può fare con tali oggetti dando vita ad una serie infinita e meravigliosa di giochi a volte anche simbolici.

Ma come ho creato io il cesto per Tommaso?

Ho cercato su un cesto in vimini non eccessivamente grande e senza manici, al suo interno ho inserito materiali di vario tipo cercando di offrire esperienze sensoriali diverse fra loro, per questo motivo ho inserito:

1 – Sottopentola di paglia

2 – Sacchettino in stoffa che ho cucito inserendo all’interno dei sonaglini

3 – Cucchiaio di legno

4 – Lettera di Legno

5 – Gioco in legno snodabile

6 – Spazzolina tonda

7 – Cuscinetto in ecopelle (l’ho preso dalla confezione di un orologio)

8 – Stampo per biscotti in legno, corda e silicone

9 – Colino per il tè

10 – Campanellino di metallo

11 – Stellina imbottita in tessuto

12 – Dentaruolo in legno e tessuto

13 – Pallina in lana cotta (anche questa ricavata dalla confezione di un gioiello)

14 – Papillon di stoffa

15 – Puzzle 3D in legno a forma di gattino

 

Tutti questi materiali li avevo in casa, perciò il mio consiglio prima di andare a comprare qualsiasi cosa in giro per mercati e farramenta, date un occhio se in casa non ci sia qualcosa di interessante da proporre nel cesto dei tesori, mettetevi nei panni del vostro bimbo e provate a pensare se ci sia qualcosa di allettante dal punto di vista sensoriale.

Un ultimo accorgimento oltre ovviamente al fatto di non proporre oggetti pericolosi come per esempio oggetti piccoli o facili da rompere, è quello di non proporre tutti gli oggetti insieme ma fare ogni volta una selezione cercando di variarli offrendo quindi la possibilità di concentrarsi e dedicarsi a questa bellissima attività.

Spero di avervi dato qualche buono spunto!

Un abbraccio

Sara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *